Dolore alla spalla: composizione articolazione, funzioni e patologie

Avverti un dolore alla spalla?

Con il termine spalla (o cingolo scapolare), si identifica anatomicamente quella parte del corpo umano, che congiunge l’arto superiore al tronco e grazie alla quale, queste due parti del corpo si articolano tra loro.

Per comprendere meglio il tuo dolore alla spalla è utile sapere che, questa articolazione può compiere due tipi di movimenti:

  • adduzione;
  • adbuzione.

I movimenti di adduzione sono tutti quei movimenti che servono ad avvicinare l’arto al corpo, mentre i movimenti di aduzione servono per allontanare il braccio.

La spalla è dotata anche di movimento rotatorio, caratteristica nel regno animale dell’uomo e di poche altre specie animali.

Dolore alla spalla: le ossa

dolore alla spallaLe ossa che compongono la spalla sono:

  • Scapola;
  • Clavicola;
  • parte superiore dell’Omero.

Le Scapole sono due, una posta anatomicamente sulla parte posteriore della spalla destra ed una sul lato sinistro.

Sono ossa di forma piatta quasi triangolare che fungono da protezione del resto dell’articolazione dotata di grande mobilità.

Quest’osso può essere soggetto a diverse patologie come la Periartrite.

È inoltre noto come, la “Scapola Alata” sia causa di dolore nel tempo.

Così come per la Scapola, anche la Clavicola è presente nel nostro corpo sia a destra che a sinistra.

La Clavicola è collegata alla Scapola ed all’Omero con la parte esterna, mentre si collega al centro del tronco grazie allo Sterno.

La frattura della clavicola è abbastanza diffusa tra la popolazione italiana, si parla addirittura abbia una quota del 5% tra tutti i tipi di fratture ossee.

Questo provoca molto dolore.

L’Omero, infine, è l’osso che si trova all’interno del braccio.

Mentre la sua parte più lontana dal tronco si congiunge con l’Ulna e il Radio (ossia le ossa dell’avambraccio), dando vita al gomito, dall’altra parte si articola con le ossa succitate che compongono la spalla.

Dolore alla spalla: patologie

Le patologie della spalla diagnosticate in modo più frequente dalla moderna ortopedia sono:

  • Capsulite adesiva;
  • Lesione della cuffia dei rotatori;
  • Artrosi;
  • Fratture.

La Capsulite Adesiva

Se hai un dolore alla spalla, è utile sapere che la Capsulite è una delle patologie che più frequentemente colpisce questa parte del corpo.

Può fare la sua comparsa anche dopo traumi di lievissima entità o anche in modo spontaneo in determinate fasce d’età, in particolare, in quei soggetti che soffrono di patologie differenti come ad esempio il diabete.

I sintomi di tale problematica sono, appunto, il dolore alla spalla, che diventa maggiore durante la notte, e difficoltà alla movimentazione naturale di questa parte del corpo.

La Capsulite, infatti, non fa altro che attivare un processo infiammatorio, portando l’articolazione a perdere di elasticità e quindi provoca il classico dolore di spalla.

Può essere curata con diversi rimedi ortopedici o prodotti ortopedici specifici.

Lesioni della cuffia dei rotatori

Al contrario di quello che si pensa,  le lesioni tendinee che interessano la cuffia dei rotatori, non devono essere necessariamente operate.

I pazienti affetti da queste lesioni possono, in un numero rilevante di casi, muovere il braccio con poco dolore o addirittura in assenza di dolore alla spalla.

Le lesioni che meritano trattamento sono quelle che non permettono il movimento completo senza dolore o quelle in cui il movimento della spalla è difficoltoso.

Artrosi alla spalla

L’Artrosi , o osteoartrite, è un’alterazione degenerativa cronica della cartilagine articolare.

Questo materiale elastico ma tanto duro, ricopre le estremità delle ossa più lunghe al fine di  ridurre gli attriti ed aumentare la capacità di assorbire gli impatti.

La prima causa è l’invecchiamento.

Altre cause di questa patologia sono:

  • lavori sedentari,
  • posture scorrette,
  • attività sportive dove vi possono essere contatti tra gli atleti (come le arti marziali in genere),
  • lavori pesanti.

Si ricorda che anche la scoliosi e l’artrite reumatoide possono essere cause della sua insorgenza.

Fratture in generale e Frattura della Clavicola in particolare

Le fratture provocano sempre dolore e la frattura alla Clavicola provoca, certamente, moltissimo dolore alla spalla.

La Clavicola è un osso molto lungo, posto come collegamento tra la scapola e lo sterno ed è, per caratteristica, anche molto sottile.

Le funzioni della Clavicola sono quelle di:

  • collegare il tronco del corpo con la spalla,
  • proteggere polmoni arterie sottostanti  ed i bronchi.

Per la vicinanza a tali organi, causarsi una frattura alla clavicola, significa metterli a rischio per la troppa vicinanza.

Frattura Clavicola Riabilitazione

Quando si subisce un trauma alla Clavicola, è di norma applicato l’intervento chirurgico, ma in attesa di tale operazione ortopedica,  bisogna immobilizzare la clavicola con appositi articoli ortopedici adibiti proprio come immobilizzatore per Clavicola.

Tale prodotto aiuta a non far sorgere complicanze in attesa dell’intervento all’osso fratturato.

La frattura della clavicola si ripara anche se i due monconi non vengono riposizionati in modo da combaciare perfettamente.

Tuttavia il rischio di complicazioni secondarie come la pseudoartrosi diminuisce significativamente se i due segmenti di frattura vengono riportati nella loro posizione fisiologica.

Per questo motivo la maggior parte delle fratture composte della clavicola viene trattata secondo un protocollo conservativo applicando un bendaggio a otto o un bendaggio a triangolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.