La spalla: composizione funzioni e patologie

Con il termine spalla (o cingolo scapolare), si identifica anatomicamente quella parte del corpo umano, che congiunge l’arto superiore al tronco e grazie alla quale, queste due parti del corpo si articolano tra loro. La spalla può compiere due tipi di movimenti:

  • Quelli di adduzione
  • Quelli di adbuzione

Con questi due termini, si vuole identificare nel primo caso ( adduzione) tutti quei movimenti che servono ad avvicinare l’arto dal corpo, mentre il secondo (abduzione) serve al movimento contrario. la spalla è dotata anche di movimento rotatorio, caratteristica nel regno animale dell’uomo e di poche altre specie animali.

Ossa della spalla

Le ossa che compongono la spalla sono:

  • Scapola
  • Clavicola
  • parte superiore dell’omero

Le scapole sono due, una posta anatomicamente sulla parte posteriore della spalla destra ed una sul lato sinistro. Sono ossa di forma piatta quasi triangolare che fungono da protezione del resto dell’articolazione dotata di grande mobilità.

 

Così come per la scapola, anche la clavicola è presente nel nostro corpo sia a destra che a sinistra (due clavicole). La clavicola è collegata alla scapola ed all’omero con la parte esterna mentre si collega al centro del tronco grazie allo sterno.

L’omero, infine, è l’osso che si trova all’interno del braccio; mentre la sua parte più lontana dal tronco si congiunge con l’ulna e il radio (ossa dell’avanbraccio), dando vita al gomito, dall’altra parte si articola con le ossa succitate che compongono la spalla.

Patologie della spalla

Le patologie della spalla diagnosticate in modo più frequente dalla moderna ortopedia sono:

  • Capsulite adesiva
  • Lesione della cuffia dei rotatori
  • Artrosi
  • Fratture

 

La capsulite

Una delle patologie che più frequentemente colpisce la spalla, perchè può fare la sua comparsa anche dopo traumi di lievissima entità o anche in modo spontaneo in determinate fasce d’età e in quei soggetti che soffrono di patologie differenti come il diabete.

I sintomi di tale problematica della spalla sono dolore che diventa maggiore durante la notte e successivamente difficoltà alla movimentazione naturale della spalla. La capsulite non fa altro che attivare un processo infiammatorio nella spalla, portando l’articolazione a perdere di elasticità. Può essere curata con diversi rimedi ortopedici o prodotti ortopedici specifici.

Lesioni della cuffia dei rotatori

Le lesioni tendinee che interessano la cuffia dei rotatori non devono essere necessariamente operate, e i pazienti affetti da queste lesioni possono in un numero rilevante di casi muovere il braccio con poco dolore o addirittura in assenza di dolore.

Le lesioni che meritano trattamento sono quelle che permettono movimento completo con dolore o quelle in cui il movimento della spalla è difficoltoso e doloroso.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *